Condividi questo articolo

Alla Residenza Quisisana Rimini è stata avviata la somministrazione della Doll Terapy, ovvero la terapia della bambola grazie alla quale si possono ottenere dei benefici negli ospiti con la diagnosi di Alzheimer.

Di solito la bambola viene somministrata in momenti specifici della giornata soprattutto in quelli caratterizzati da apatia e agitazione e ha tra i benefici una riduzione degli accessi d’ira e degli stato d’ansia.

Inoltre, gli atteggiamenti di dolcezza e di affetto sono fattori che aiutano l’anziano a rilassarsi e hanno ripercussioni positive anche sull’alternanza sonno-veglia, limitando l’insonnia.

La bambola diventa un modo per creare delle relazioni con gli altri ospiti della struttura o con i care-giver e stimola la persona a lasciarsi coinvolgere nelle attività. Altro aspetto importante e positivo è il risveglio di ricordi piacevoli soprattutto se l’anziano ha avuto modo in passato di prendersi cura di un bambino. Cullare il bambolotto o cantare una ninna nanna può risvegliare nell’anziano emozioni felici.

di Pubblicato il 26 Aprile, 2021

Articoli correlati